Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
  • Load image into Gallery viewer, Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
  • Load image into Gallery viewer, Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
  • Load image into Gallery viewer, Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
  • Load image into Gallery viewer, Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s
  • Load image into Gallery viewer, Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s

Giacca a camicia Maxfield Parrish in pelle nera 90s

Vendor
maxfield Parrish
Regular price
€129,00 EUR
Sale price
€129,00 EUR
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Giacca  a camiciaMaxfield Parrish in  morbidissima pelle nera 90s , a 4 tasche ,tg XL .  2hand in ottime condizioni da segnalare , 2 smagliature date dal tempo( foto)

 Misure indicative

Spalle cm 50

manica cm 47

petto cm 58x2

vita cm 55x2

fianco cm 54x2

lungh cm70

 Maxfield Parrish

Maxfield Parrish era un marchio di moda britannico fondato da Nigel Preston all'inizio degli anni '70. Di fama internazionale, soprattutto per la lavorazione dei pellami, è stato selezionato come parte del Dress of the Year nel 1982.

Istituzione e primi anni

Maxfield Parrish è stata fondata appena fuori King's Road nel 1972. [3] [4] Il marchio prende il nome dall'artista e illustratore americano Maxfield Parrish , ammirato dal fondatore Nigel Preston. [3]

Preston, che si era formato in arte e poi si è dilettato nell'industria musicale – una volta come supporto agli Hawkwind in un concerto ad Hampstead – iniziò con una bancarella a Portobello Road che vendeva top da donna in pelle di camoscio . Era un autodidatta e aveva fatto vestiti per molti anni, imparando a creare modelli decostruendo i vestiti. [3] Originariamente il negozio si concentrava su ciò che il necrologio di Preston descriveva come abiti da uomo "di teatralità dandy". Presto attirò pop star di entrambi i sessi e i suoi vestiti furono indossati, tra gli altri, da Suzi Quatro . Un'altra fan era Julie Andrews che, è stato riferito, avrebbe comprato i suoi pantaloni di pelle solo da Maxfield Parrish. [3]All'inizio l'attività era sottofinanziata e Preston viveva con una valigia; ha ricevuto sostegno finanziario da David Ford, che è stato il suo socio in affari fino al 1984. [4]


Passa all'alta moda

Nel 1978, la moglie di Preston, Brenda Knight, che lo aveva incontrato per la prima volta quando aveva fornito alcune PR di moda che assicuravano la copertura di Maxfield Parrish su Vogue , iniziò a spostare il marchio verso una moda più mainstream, individuandone il potenziale nei mercati internazionali. [3] [4] Ha iniziato a essere mostrato alle London Designer Collections - precursore della London Fashion Week - e nel 1981 stava attirando la copertura per le sue mode in pelle scamosciata e pelle. [5] Suzy Menkesdisse nell'ottobre di quell'anno: "Nigel Preston di Maxfield Parrish ha delle idee superbe in pelle scamosciata e pelle, in particolare pelle scamosciata gessata e grandi gonne nel camoscio più morbido, ma la collezione deve essere modificata". [6]

L'etichetta ha trovato molto rapidamente un pubblico, in parte grazie a un grande risveglio di interesse nell'indossare pelle scamosciata e pelle all'inizio degli anni '80. Un articolo del 1982, sempre di Suzy Menkes, diceva che i pantaloni di pelle erano diventati un "classico" e le giacche di camoscio non erano più un oggetto di lusso; diceva che si trattava di una storia di moda britannica: la maggior parte degli stilisti italiani comprava le loro pelli dal Regno Unito. L'articolo ha individuato Jean Muir , Roland Klein e Maxfield Parrish, dicendo: "Ora Maxfield Parrish ha una fiorente attività all'ingrosso con ordini di esportazione impressionanti e mostra di tutto, dalle seducenti gonne lunghe alle semplici T-shirt, blazer gessati e persino color gioiello montoni, che sono un galoppo di moda lontano dal pesante scamosciato color zenzero". [7]

Abito dell'anno e Calendario Pirelli

Nel 1982, il marchio è stato selezionato per far parte del Dress of the Year al Fashion Museum, Bath . Quell'anno furono scelti due abiti: uno comprendeva un completo di lino di Margaret Howell e Maxfield Parrish forniva un completo di pelle scamosciata; la selettrice è stata Grace Coddington di Vogue . [8]

Nel 1984 Maxfield Parrish è stato tra i 14 designer britannici scelti per creare capi e accessori per un revival del Calendario Pirelli . L'azienda ha disegnato una mantella in pelliccia con il motivo delle tracce di pneumatici e un abito a portafoglio in pelle scamosciata. Il calendario è stato fotografato da Norman Parkinson e i disegni di Maxfield Parrish creati per la fotografia sono ora conservati al Victoria and Albert Museum , essendo stati precedentemente messi all'asta per beneficenza. Tutti i disegni del calendario sono stati esposti anche nel museo nel 1986-87.[9]

Reputazione internazionale e innovazionePreston ha continuato a sviluppare nuove tecniche e modi di lavorare con le pelli. Il suo necrologio ha notato che ha inventato la pelle lavata come oggetto di moda e in seguito ha sperimentato tecniche come la pittura, la ceratura e il broccato della pelle, cercando anche modi per aumentarne l'elasticità. Ha avuto successo nel mercato italiano ed è considerato un marchio di alta moda a Los Angeles. [3] Nel 1991, Liz Smith sul Times disse: "Le gonne sarong, le camicie e le giacche in morbida pelle scamosciata di Nigel Preston sono state a lungo dei classici collezionati dai puristi della moda". [10]A questo punto, i modelli Maxfield Parrish erano disponibili nel Regno Unito tramite rivenditori come Joseph e Harvey Nichols . Preston, parlando nel 1991, ha descritto come ha continuato a cercare di lavorare la pelle scamosciata in nuove forme: "È difficile ottenere pienezza e la pelle scamosciata non galleggia... Ho appena trascorso una settimana su una serie di modelli cercando di realizzare il modello 'calcio' – con il tessuto sarebbe stato facile". A questo punto, la maggior parte delle pelli dell'azienda proveniva dalla Francia e il suo fatturato maggiore era in Italia. Anni dopoIl marchio è stato continuato da Preston e Knight dopo il loro trasferimento in Francia nel 1993: avevano acquistato un castello lì negli anni '80. Preston è morto nel 2008 e Knight ha continuato a lavorare sotto l'etichetta Preston. wikipedia