Utilizza il codice HBD15 per avere uno sconto del 15% . Per carrelli sopra i 200€ la spedizione in Italia è gratuita.

Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
  • Load image into Gallery viewer, Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
  • Load image into Gallery viewer, Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
  • Load image into Gallery viewer, Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
  • Load image into Gallery viewer, Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s
  • Load image into Gallery viewer, Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s

Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s

Vendor
Lanvin
Regular price
€200,00 EUR
Sale price
€200,00 EUR
Regular price
€590,00 EUR
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Cappotto haute couture Lanvin blu elettrico 80s , numerato e rifinito a mano . Blu un classico della maison . In panno di lana pesante, no foderato. Vestibilita' direi 40/42 2hand in ottime condizioni . Pezzo da collezione  raro 

Misure indicative

spalla cm 41

 maniche cm 58

petto cm 54x2

vita cm 53x2

fianco 53x2

lungh cm 53

Lanvin è una delle più antiche maison francesi (è stata fondata nel 1893) ad essere aperta ancora oggi. Jeanne Lanvin è riuscita a rendere la sua casa di moda uno dei vertici dell’eleganza e della modernità, aggiungendo nel tempo numerose linee, a partire da quella per bambine.

Lanvin e l’amore di una madre

Contemporanea di Chanel e Patou, Jeanne Lanvin divenne infatti celebre perché fu la prima ad offrire nel 1908 una linea di abbigliamento per bambine. L’ispirazione le venne nientemeno che dalla figlia Marguerite. La bambina è presente nel logo della maison disegnato da Iribe (che realizzò anche quello di Poiret), tratto da una foto in cui mamma e figlia ballano mano nella mano con un vestito abbinato. Alla figlia, che posava spesso per le foto dei cataloghi, andarono in mano le redini di Lanvin dopo la morte di Jeanne nel 1946. Dopo quella per l’infanzia, si aggiunsero la linea uomo, accessori, lingerie, abiti da sposa e profumi (nel 1933 Lanvin lancia per la prima volta un profumo unisex).Il robe de style divenne l’abito iconico della maison dal 1920. La silhouette che Lanvin proponeva era caratterizzata da vita sottile e gonna svasata retta da una struttura sottostante, ispirata ai paniers del XVIII secolo e alle crinoline del passato. Sebbene altre couturieres del tempo proponessero la linea tubolare tipica degli anni Venti, il suo abito divenne celebre e iconico. La gonna veniva decorata con perline, fiocchi e altri decori tipici dell’Art Déco. Costante sarà la versione doppia dei modelli: donna e bambina.I laboratori Lanvin, che impiegavano più di 1000 lavoratrici, erano luoghi di creazione virtuosistica: zigzag, onde, impunture, tagli e imbottiture, appliques che ricordano gli origami. I suoi vestiti, spesso coperti di pietre preziose, diventavano dei veri e propri gioielli. Gli elaborati ricami avevano motivi naturalistici, esotici o geometrici, e spesso erano collocati in diagonale o decentrati rispetto al tessuto.Il colore centrale per Lanvin è il blu. Era presente in abiti, pubblicità e packaging in infinite versioni. tra cui una che addirittura fu chiamata “Lanvin Blue”. L’interesse di Jeanne per il colore nasceva dai vetri colorati del Gotico e dagli affreschi del Rinascimento di Fra’ Angelico. Al blu si aggiungevano spesso il nero, il bianco e l’argento delle decorazioni.Altra fonte di ispirazione per Jeanne era il cristianesimo, dai nomi dei modelli (“Alleluia”, “Preghiera” ecc) alle ricami a forma di croce sulle maniche dei vestiti. Inoltre le collezioni degli anni Trenta presentavano abiti dai tagli severi e monastici, con maniche che somigliavano alle tuniche degli angeli.

https://mrnmoda.altervista.org/lanvin-storia-blu/amp/