Fino al 7 Dicembre sconto del 20% su MY SELECTION e GGTart usando il codice VAPDAYS. Per carrelli sopra i 150€ la spedizione in Italia è gratuita!

Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
  • Load image into Gallery viewer, Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
  • Load image into Gallery viewer, Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
  • Load image into Gallery viewer, Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith
  • Load image into Gallery viewer, Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith

Blusa Anna Trzebinsky for Paul Smith

Vendor
anna trzebinski for paul smith
Regular price
€45,00 EUR
Sale price
€45,00 EUR
Regular price
€69,00 EUR
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

blusa di Anna Trzebinsky for Paul Smith  2000s, realizzato a mano , color ocra e nera, con stampe , inserti ricamati , non ha taglia direi , XS /S . 2hand in ottime condizioni qualche segno del tempo

misure indicative

spalla cm 41

manica cm 21

petto cm  44x2

vita cm 43x2

lungh 59

 

Il laboratorio di Anna Trzebinski si trova ai margini di un frondoso santuario delle giraffe nell'esclusivo quartiere Karen di Nairobi. L'alto spazio bianco con alti soffitti con travi a vista ospitava lo studio del suo defunto marito, l'artista Tonio Trzebinski. Ma cinque anni fa, è stato misteriosamente assassinato e Anna, al verde e con due bambini da sfamare, ha preso il posto per soddisfare la sua ambizione creativa: disegnare abiti ispirati alla bellezza naturale dell'Africa e alle ricche culture tribali.

Oggi lo studio è pieno del rumore delle macchine da cucire e delle voci di dozzine di sarti e perline Masai impegnati a lavorare su pelli e camosci dai colori vivaci. Le creazioni di Trzebinski riempiono gli armadi dell'élite di Hollywood e dei reali europei, tra cui Michelle Pfeiffer, Jada Pinkett Smith e la principessa Caroline di Monaco. "Anna utilizza le tecniche tradizionali africane in un modo moderno e glamour", afferma il designer Paul Smith, che porta la sua linea nei suoi negozi, dove lo scialle di piume di fenicottero e faraona da 800 dollari è un best seller. "Spesso acquistiamo uno o due di qualcosa semplicemente perché è unico, ed è qualcosa per cui i nostri clienti vengono da noi".

L'imponente Trzebinski è uno dei numerosi stilisti africani famosi che esportano sempre più abiti e accessori in Europa e negli Stati Uniti. Nel mondo della moda in rapida evoluzione, offrono alle migliori boutique una visione autentica delle tendenze tribali che attualmente dominano le passerelle e le riviste di moda. Questi nuovi stilisti, infatti, stanno dimostrando che Milano, Parigi e New York non sono più il centro dell'universo della moda: chiunque abbia talento e un sito Web può crearsi una fanbase. E stanno a loro volta definendo gli standard per etichette affermate e di grandi nomi alla ricerca di qualcosa di fresco e crudo. "L'Africa è un paradiso di ispirazione", afferma la designer e collezionista d'arte Lisa Christoffersen, nata in Tanzania e residente a Nairobi, che ha vestito Ralph Fiennes, Rachel Weiss, Jane Seymour e il generale Tommy Franks.

Christoffersen dice che deve il suo successo alla crescente visibilità del continente. "L'Africa da molti anni è il sapore della moda", dice. "Ci ha davvero aperto la porta". Attribuisce a Internet l'espansione della sua attività e del suo marchio, consentendo a clienti e boutique di tutto il mondo di importare i suoi tessuti speciali. Le sue pashmine dipinte a mano di ispirazione africana sono realizzate con il sottopelo delle capre di montagna dell'Himalaya, il tessuto più esclusivo al mondo. I maglioni, i copriletti e le plaid in cashmere sono spesso copiati da antichi tessuti cerimoniali del regno di Kuba in Congo. "Sai che nessun altro alla festa indosserà la stessa cosa", dice. "In effetti, diventi allergico a qualsiasi altra cosa perché sono così divini."

Carolyn Kapusia ha anche trovato successo all'estero capitalizzando sulla sua educazione. Sua madre, un'antropologa francese, ha sposato un guerriero Masai quando Kapusia era ancora una bambina, ed è cresciuta nelle terre selvagge del Kenya, ricoperta di perline Masai e pelli tradizionali. La sua azienda, Nomad, che meglio descrive questa bruna alta, ha rifornito gli scaffali di Barneys New York, Maxfield LA, Joseph a Londra e Henry Beguelin. Donna Karan vende e indossa da anni i grossi gioielli incastonati di gemme d'oro di Kapusia. Quando non è a casa nella Great Rift Valley, dove Kapusia e suo marito pilotano i loro aerei, spesso organizza spettacoli lucrativi ad Aspen, Houston e New York.

Molti designer con sede in Kenya vedono uno scopo più alto nel loro lavoro: impiegare e creare mezzi di sussistenza per migliaia di residenti impoveriti. Con oltre il 60 percento della popolazione locale che vive con meno di un dollaro al giorno, l'industria della moda di fascia alta crea entrate sostanziali per le donne che altrimenti non potrebbero trovare lavoro. Trzebinski, che stima di sostenere indirettamente più di 800 persone e una tradizione artigianale in via di estinzione, ammette che i suoi vestiti costerebbero meno se fossero fatti in Cina, ma insiste sul fatto che non sta lavorando per i profitti. "Il fatto è che le perline sono fatte da una donna Masai in Kenya e non in una fabbrica sfruttatrice dall'altra parte del mondo", dice. "Voglio costruire un marchio che rappresenti qualcosa. Il margine di profitto è così ridicolmente basso per me, ma è una responsabilità da cui non posso semplicemente allontanarmi." Kapusia si sente allo stesso modo; i suoi gioielli sono realizzati nel suo laboratorio nella Great Rift Valley, dove forma e impiega membri della stessa comunità in cui è cresciuta.

Tali pratiche consentono a questi designer di attingere alla famosa etichetta del commercio equo e solidale, che motiva alcuni consumatori a spendere di più per garantire che i loro prodotti siano privi di sfruttamento. Il commercio equo spesso aiuta in primo luogo i giovani designer ad arrivare sugli scaffali dei negozi, poiché consente a molti rivenditori di far pagare di più per i loro prodotti. È un altro motivo per cui i rivenditori e le case di moda cercano produttori stranieri che offrano i tipi di beni che le persone vorranno acquistare con le loro carte rosse dell'American Express.

Alcuni designer sono entrati nel business per caso. Quando l'ex modella Elizabeth Warner è arrivata in Kenya da Los Angeles alcuni anni fa per gestire un campo di ecoturismo che condivide i profitti con la comunità locale, ha stretto amicizia con un gruppo di talentuosi perline Masai alla disperata ricerca di un reddito. "La loro arte è così bella e così unica a causa della loro posizione remota, l'ho vista come un'opportunità davvero unica nel suo genere", dice. Così ha co-fondato Masai Collections, che ora vende borse fatte a mano a Donna Karan, Henry Beguelin e diverse boutique nel quartiere Soho di New York. La designer di accessori Annabelle Thom afferma che il suo istinto da ragazza del bush per l'efficienza e la conservazione l'ha aiutata a diventare una donna d'affari di successo, utilizzando pellami pregiati e pelli di animali per realizzare borse e pantofole, che ora riempiono riviste e boutique da East London a Brooklyn.

Anche i designer africani stanno beneficiando del fascino delle celebrità del continente. I ricchi e famosi continuano ad affluire lì, rafforzando le vendite e la reputazione internazionale. Warner e Kapusia hanno equipaggiato l'ex presidente Bill Clinton con borse in pelle con perline e braccialetti d'oro ingioiellati nel suo recente viaggio in Africa, e hanno aiutato a preparare Hillary e Chelsea per la nuova stagione. La designer pakistana di Nairobi Sally Dudmesh ha incontrato dozzine di celebrità, allettandole non solo con amuleti raccolti da monaci tibetani e tombe egiziane, ma con gemme scolpite dal pavimento della Great Rift Valley. "Ogni pezzo ha una storia, una storia", dice Dudmesh. "È ciò che lo rende unico." È anche ciò che fa costare $ 3.000. E come stanno scoprendo i designer africani, questo"soldi ben spesi a beneficio dell'intero continente.