Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s
  • Load image into Gallery viewer, Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s

Abito Blazer Barneys Newyork nero 90s

Vendor
VAP selecta
Regular price
€79,00 EUR
Sale price
€79,00 EUR
Regular price
€79,00 EUR
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Abito Blazer Barneys Newyork nero tendente al blu notte 90s , non. ha etichetta con composizione direi al tatto lana , tg 42 . 2hand in ottime condizioni qualche segno del tempo 

Misure indicative

spalle cm 42

manica cm 59 

petto cm 50x2

vita cm 40x2

fianco cm 48x2

lungh cm 99

a società nasce nel 1923 con il nome di Barney's, quando Barney Pressman apre il primo negozio a Manhattan grazie ai cinquecento dollari ottenuti vendendo l'anello di fidanzamento della moglie: prende in locazione uno spazio commerciale di 46m2 tra la Seventh Avenue e la West 17th Street, sede del Barney's Clothes. Barney's vendeva abbigliamento a prezzi scontati acquistando campioni in showroom, scorte in eccesso al dettaglio, alle aste e alle vendite in caso di fallimento. Ha anche offerto modifiche e parcheggi gratuiti per attirare i clienti. E questo primo negozio nel suo genere ha portato Barney Pressman in molti programmi televisivi e radiofonici.

Pressman sostiene di essere stato il primo rivenditore di Manhattan ad utilizzare radio e televisione per far pubblicità al suo esercizio. A cominciare dagli spot radiofonici "Calling All Men to Barney's" negli anni '30 che parodiavano l'introduzione di uno spettacolo di Dick Tracy. Ha sponsorizzato programmi radiofonici con tenori irlandesi e band che suonano per pubblicizzare le lane irlandesi. Donne rinchiuse in barili regalavano cartelline di fiammiferi con il nome e l'indirizzo del negozio. Ha anche noleggiato una barca per portare 2.000 dei suoi clienti da Manhattan a Coney Island.

Nel 1970, Barney's ha costruito un quinto piano sul suo edificio originale e un'aggiunta di cinque piani. Il negozio originale è stato ribattezzato "America House" (destinata alla merce di designer già noti) e l'aggiunta è stata chiamata "International House" (destinata alle collezioni complete di designer europei, dai pantaloni in denim ai completi da 250 dollari). L'esercizio ampliato occupava l'intero blocco della Seventh Avenue (tra la 16a e la 17a strada), con una superficie di vendita di 9.300 metri quadratiNel 1973, il negozio vendeva 60.000 abiti. Barney's ha portato le linee complete di designer come Bill Blass, Pierre Cardin, Christian Dior e Hubert de Givenchy. È stato il primo ad avere introdotto nel mercato americano l'intera linea di Giorgio Armani, dopo aver firmato un accordo nel 1976. L'abbigliamento femminile è stato introdotto nel 1976 al terzo piano dell'"International House". L'anno successivo, il negozio femminile si è trasferito a "The Penthouse", un nuovo locale di primo livello. Barney's ha anche aggiunto al negozio articoli per la casa, cosmetici e articoli da regalo. Sempre nel 1977, il ristorante all'interno di Barney's è ribattezzato "The Cafe" iniziando a vendere insalate, zuppe e panini.

Da Barney's a Barneys

L'azienda lascia cadere l'apostrofo da Barney's nel 1981.Nel 1986 è aperto in una fila di sei case a schiera in due edifici adiacenti lungo la 17th Street il negozio da donna da 25 milioni di dollari e 6.500 metri quadri. Comprendeva anche un salone di bellezza e un ristorante unisex, oggetti d'antiquariato e e reparti di casalinghi. Ha rappresentato circa un terzo delle vendite di Barneys. Due anni più tardi, nel 1988, Barneys ha aperto un negozio per uomini di 930 metri quadri nel World Financial Center. E nel 1993 ha trasferito la sede della Seventh Avenue in un altro edificio, progettato da Kohn Pederson Fox, di 21.000 metri quadri e di nove piani su Madison Avenue a East 61th Street. I pavimenti in legno, un mosaico in marmo sul pavimento della hall, i soffitti in foglia d'oro e le pareti laccate del nuovo centro di Barneys sono costati 267 milioni di dollari.

Nel 1989, Barneys ha formato una holding con il grande magazzino giapponese Isetan per gestire negozi in entrambi i paesi. Il primo negozio di Tokyo è stato aperto nel novembre 1990. L'accordo prevedeva anche che la holding spendesse 250.000 dollari per aprire 30 negozi più piccoli di circa 600 metri quadri.[5] Il primo di questi centri più piccoli è stato aperto a Costa Mesa, in California nel 1990.[6] Barneys ha poi aperto il suo primo grande magazzino fuori Manhattan a Chicago, nel 1993, seguito da un altro centro commerciale a Beverly Hills, in California, nel 1994.[7]

wikipedia