Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
  • Load image into Gallery viewer, Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
  • Load image into Gallery viewer, Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
  • Load image into Gallery viewer, Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s
  • Load image into Gallery viewer, Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s

Sottoveste /abito sartoriale rosa 40s

Vendor
vintageafropicks
Regular price
€89,00 EUR
Sale price
€89,00 EUR
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Sottoveste /abito sartoriale rosa  40s , di antica stamperia  tessile De Angeli Frua . in raso di seta. non ha taglia direi 42/44 giusta .2hand in ottime condizioni 

misure indicative

petto cm 45x2

vita cm 42x2

fianchi cm 52x2

lungh cm 104

LA DE ANGELI FRUA

 

1896

Nel 1896 nasce la De Angeli Frua, fondata da Ernesto De Angeli e Giuseppe Frua, in origine (metà ottocento) una piccola stamperia artigianale di fazzoletti che si trovava a Milano presso la “Maddalena” in cui erano impiegati dieci operai.

 

 

 

 

1937
Quarant’anni dopo, nel 1937, la De Angeli Frua era una grande industria con cinque stabilimenti in Italia e undici mila dipendenti. Si era distinta per l’eccellenza della produzione, la lungimiranza commerciale e la profonda umanità: dopo la guerra tante furono le iniziative sociali, come l’istituzione di fondi previdenziali e la costruzione di case, scuole ed asili per i dipendenti. Della prestigiosa azienda tessile, chiamata anche DAF, che tra le due guerre fece del made in Italy il suo imperativo riuscendo a creare una reputazione ed a competere con successo con i prodotti tessili stampati inglesi e tedeschi – considerati fino a quel periodo di qualità superiore e più ambiti dei prodotti italiani – rimangono oggi documenti, fotografie, tessuti, stampe e un grande ricordo. Le attività produttive della De Angeli Frua terminarono, infatti, alla fine degli anni 60′.

I TESSUTI STAMPATI DAF

Oltre alla stampa di fazzoletti, specialmente quelli ad imitazione dei fazzoletti di Glasgow, di Glarona e di Colonia, articolo che si imitava con esito splendido in quanto venivano impiegati tessuti di buona qualità, colori vivaci e disegni di buon gusto e variati, l’offerta si ampliò con i fustagni stampati per abiti, dei tessuti di lana blu indaco bianco e colorato, percalli per camicie ecc.

La produzione più ingente era quella dei vestiti da contadina a fondo blu indaco, i tessuti tinti in pezza rosso Adrianopoli, damaschi e rasi di cotone tinti in colori brillanti per tappezzeria, tessuti tinti per parasoli e ombrelli, uso seta. Un totale di sette milioni di metri ottenuti da cinque macchine a stampa continua a sei colori, quattro macchine a porretino per la stampa intermittente da uno a tre colori e venticinque tavoli per la stampa a mano.

Nello stabilimento vi era un’officina di incisione, in cui artisti specializzati lavoravano su cilindri con i migliori sistemi a mano, con le mollette, col pantografo e per mezzo della Galvanoplastica.

IL LOGO

Una firma che regge un angelo, un putto, un amorino o semplicemente un bimbo che dorme sereno, la testa riccioluta appoggiata su di un morbido guanciale e tra le mani due fiorellini di campo. La firma di Olga, incompleta, è stata ritrovata sulla copertina di un suo libro di preghiere.
Una calligrafa, una vera e propria artista, è riuscita a rielaborarla e a darle nuova vita.
Il dormiente, colui che dorme, è un disegno ritrovato in un libro inglese di moda femminile della metà dell’800, sempre di proprietà della famiglia Frua. Nell’illustrazione originale il bimbo dormiva su di un prato, sorridente, circondato di fiori, tra cui si riconoscevano papaveri, campanelle, mughetti. Quell’espressione sognante e beata esprime nel logo attuale tutti i valori dell’Ars Dormiendi di Olga Frua: leggerezza, armonia, naturalità, piacere e cura della propria intimità.

MADE IN ITALY

La collezione Olga Frua affonda le radici nell’eccellenza del patrimonio artigianale italiano e la riattualizza, coniugando lavorazioni handmade, tipiche della tradizione del corredo, come il ricamo ajour, a stile, sensibilità e tecnologie contemporanee.

I tessuti, di altissima qualità e rigorosamente made in Italy, sono leggeri, naturali, confortevoli, mixati in innovative composizioni che offrono sensazioni tattili e visive inedite. Non solo lino, non solo cotone ma anche cachemire e soprattutto seta nelle lavorazioni raso e chiffon per rendere ancora più ricercati i capi e propiziare i migliori sonni possibili.