Utilizza il codice WELCOME per avere uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto. VALIDO SOLO NELLA SEZIONE MY SELECTION. Per carrelli sopra i 200€ la spedizione in Italia è gratuita.

Abito sartoriale Baratta 80s
Abito sartoriale Baratta 80s
Abito sartoriale Baratta 80s
Abito sartoriale Baratta 80s
  • Load image into Gallery viewer, Abito sartoriale Baratta 80s
  • Load image into Gallery viewer, Abito sartoriale Baratta 80s
  • Load image into Gallery viewer, Abito sartoriale Baratta 80s
  • Load image into Gallery viewer, Abito sartoriale Baratta 80s

Abito sartoriale Baratta 80s

Vendor
vap selection
Regular price
€129,00 EUR
Sale price
€129,00 EUR
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Abito sartoriale Baratta 80s, in velluto di seta , con scollo a V sulla schiena , maniche a sbuffo in paillettes . Tg 44 direi vestibilita' fio a una 42 morbida. Mai stato usato senza cartellino .

Misure indicative

spalla cm 41

manica cm 59

petto cm 50x2

vita cm 37x2

fianco cm 46x2

lungh cm 103

UBALDO BARATTA, STILISTA ITALIANO DI GRANDE TALENTO

Ubaldo Baratta, a 15 anni lascia la natia Salsomaggiore per provare se stesso a Parigi, allora capitale mondiale della moda. Dieci anni di lavoro in atelier piccoli e grandi danno stile e professionalità al suo mestiere. Con questo bagaglio si trasferisce a Londra e viene accettato ai corsi della Minister’s Cutter Academy.

Rimpatria e si stabilisce a Montecatini, centro termale di grande mondanità internazionale: fra i suoi clienti i membri della famiglia reale che gli concedono il “brevetto della Real Casa”. Approda, infine, a Milano dove il suo atelier in via Borgogna diventa uno dei punti cardinali nella geografia sartoriale maschile e femminile.

Nel 1956 è sulla passerella della Sala Bianca di Palazzo Pitti a Firenze e di Roma. Partecipa, con abiti confezionati in fibre artificiali, al primo convegno Moda Cinema Teatro organizzato dal Centro delle Arti e del Costume a Palazzo Grassi di Venezia.

Negli anni ’60 la sua sartoria occupa fino a 200 sarte. Realizza le tute da riposo per gli astronauti della Nasa e, negli anni ’70, le divise per l’Alitalia. Nel ’67 è uno dei primi sarti milanesi a iscriversi alla Camera Nazionale della Moda Italiana.

Nel ’77, ormai anziano, cede l’attività a Loretta Giovani che porta avanti le intuizioni del fondatore aggiornandole con un’organizzazione moderna e tecnologicamente avanzata. Successivamente, nel ’99 il marchio è acquisito da Gianni Campagna.

https://moda.mam-e.it/baratta-ubaldo/